Le castagne sono dei frutti gustosi e salutari tipici del periodo autunnale, che possono essere gustati in molti modi diversi. Cotte in acqua o arrostite, trasformate in una crema dolce o salata oppure candite. Oggi abbiamo creato per voi un pesto vegano di castagne arricchito con le nocciole che può essere gustato come un delizioso condimento per la pasta. O magari come una crema da spalmare su del croccante pane appena tostato per una colazione che non vi farà venire sensi di colpa.

Pesto vegano di castagne e nocciole

Ingredienti e sostituzioni

Ingredienti per il pesto vegano
Ingredienti per fare la pasta e il pesto

Castagne: vi consigliamo di acquistare castagne fresche e crude nel negozio più vicino per ottenere un miglior risultato. Di sicuro sono disponibili nella maggior parte dei paesi  dell’emisfero settentrionale durante l’autunno e l’inverno.

Nocciole: sono il perfetto abbinamento di sapore alle castagne. Comprate le nocciole tostate e sbucciate, non salate per questa ricetta. Se potete farlo, acquistate le nocciole importate dal Piemonte, una regione del nord Italia.

Pane grattugiato: Non buttate mai il pane vecchio di 1 o 2 giorni: qui sarebbe l’ideale! Basta grattugiarlo.Se però non lo avete, prendete del pane fresco e mettete nel frullatore soltanto la mollica per trasformarla in pangrattato.

Lievito Alimentare: si mette per aggiungere umami e sapore al pesto. Sentirete da soli come si sposa incredibilmente bene con le castagne.

Latte di soia: è importante che sia latte di soia non zuccherato e non aromatizzato, perciò controllate la lista degli ingredienti sulla confezione: dovrebbe contenere solo semi di soia, acqua e un po’ di sale.

Sale: ci vuole solo un pizzico o due di sale marino fine, possibilmente di quello buono.

Ricetta

Chestnut pesto on a table with leaves

Pesto di castagne e nocciole

Autore: Nico Pallotta
Le castagne sono dei frutti gustosi e salutari tipici del periodo autunnale, che possono essere gustati in molti modi diversi. Cotte in acqua o arrostite, trasformate in una crema dolce o salata oppure candite. Oggi abbiamo creato per voi un pesto vegano di castagne arricchito con le nocciole che può essere gustato come un delizioso condimento per la pasta. O magari come una crema da spalmare su del croccante pane appena tostato per una colazione che non vi farà venire sensi di colpa.
5 from 5 votes
Preparazione 5 minuti
Cottura 45 minuti
Peeling Chestnuts 15 minuti
Portata Salse e condimenti
Cucina Italiana
Porzioni 4 persone
Calorie 143 kcal

Attrezzatura

  • Frullatore

Ingredienti
 

  • 1 tazza castagne
  • 2 cucchiai nocciole tostate
  • 1 cucchiaio lievito alimentare in scaglie
  • 2 cucchiai mollica di pane secco sbriciolata
  • ¾ tazza latte di soia al naturale
  • ½ cucchiaino sale

Preparazione
 

  • Lavate 1 tazza di castagne e mettetele a bollire in una pentola con abbondante acqua.
    Chestnut_Pesto_Step-1
  • Lessatele per 50 minuti, poi scolatele e pelatele con un coltellino. Rimuovete il guscio esterno e la sottile pelle marrone che sta sotto. Non preoccupatevi se si rompono, tanto dovrete frullarle.
    Chestnut_Pesto_Step-2
  • Mettete tutti gli ingredienti in un mixer e frullate fino ad ottenere una crema più o meno liscia, in base alle vostre preferenze. A noi, ad esempio, piace liscia ma con qualche pezzetto intero.
    Chestnut_Pesto_Step-3
  • Servite questo condimento per una pasta cremosa e piena di gusto, oppure spalmatela su dei crostini di pane per avere una deliziosa e sana colazione.
    Chestnut pesto on a table with leaves

Valori Nutrizionali

Nutrition Facts
Pesto di castagne e nocciole
Amount per Serving
Calorie
143
% Daily Value*
Fat
 
5
g
8
%
Grassi saturi
 
1
g
6
%
Carbohydrates
 
22
g
7
%
Fibra alimentare
 
1
g
4
%
Zucchero
 
1
g
1
%
Proteine
 
4
g
8
%
Calcio
 
78
mg
8
%
Ferro
 
1
mg
6
%
* Percent Daily Values are based on a 2000 calorie diet.
Ti è piaciuta questa ricetta?Scrivi un commento qui sotto. Ci renderebbe felicissimi 🙂

Suggerimenti

Cuocete bene le castagne

Per ottenere i migliori risultati controllate che le castagne siano ben cotte. Il modo migliore per essere sicuri che le castagne siano cotte è impostare un timer su 45 minuti, poi togliere una castagna, raffreddarla sotto l’acqua corrente, sbucciarla e assaggiarla. La castagna dovrebbe essere molto morbida e per niente dura. Se sentite che non sono ancora pronte fatele bollire 10 minuti per volta.

Non frullate troppo

Questo pesto va servito liscio, ma non vellutato, cioè con qualche pezzetto di castagna qua e là. Quindi non tenete il frullatore acceso troppo a lungo e assaggiate il pesto per sentire la consistenza mentre frullate.

Il pesto di castagne e nocciole su una tavola apparecchiata

Abbinamenti gastronomici

Il modo migliore per provare questo pesto di castagne vegano è quello di servirlo con degli spaghetti e dei funghi. I funghi infatti esalteranno il sapore delle castagne e scoprirete che sarà una delle migliori paste che abbiate mai mangiato.

Un altro ottimo modo è quello di condirci degli gnocchi vegani. Il pesto di castagne dovrà ricoprirli perfettamente per avere un piatto cremoso e avvolgente.

Il pesto di castagne è ottimo anche come hummus o come crema da spalmare. Potete mangiarlo insieme a delle verdure arrostite o spalmato su una fetta di pane a lievitazione naturale tostata. Una vera delizia!

Creamy spaghetti with chestnut pesto and mushrooms

Conservazione

Conservate il pesto di castagne in frigo in un contenitore ermetico fino a 3 giorni.

Ricette simili

Hai fatto questa ricetta a casa? Facci sapere nei commenti qui sotto o scatta una foto e taggaci su Instagram @Italiaplantbased.


Nico and Louise in the kitchen

Hi! We are Nico & Louise

Welcome to The Plant-Based School, a food blog with easy, tasty, and wholesome recipes.

Our aim is to help you and your family eat more veggies through delicious recipes with simple ingredients.

Easy right?

5 from 5 votes (5 ratings without comment)

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




2 commenti

    1. Ciao Elena, non ho provato a congelarlo, ma se dovessi farlo io lo farei scongelare in frigorifero con calma. Se hai un micro-onde potresti anche provare con quello, con la modalità scongelamento.